Confalonieri: Mediaset ha sempre avuto concorrenti

ROMA (MF-DJ) – “Mediaset ha sempre avuto concorrenti”. Titola così una lettera inviata dal presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri, al Corriere della Sera, in risposta a un articolo di Massimo Mucchetti di domenica nel quale c’era una richiesta al neo premier Mario Monti di un’azione immediata contro il Biscione sintetizzata nella frase “Mediaset non ha mai dovuto fronteggiare un vero concorrente”. “In conclusione, il mondo televisivo attuale creato dal nuovo quadro legislativo e dalla rivoluzione tecnologica non solo ha spalancato il mercato ma ha prodotto evidenti ripercussioni sugli ascolti e sui risultati operativi di tutti gli storici operatori tv italiani. Il mondo che ha in testa Mucchetti, se mai è esistito non esiste più: il suo articolo di domenica sembra scritto 25 anni fa”, puntualizza Confalonieri. Il presidente di Mediaset dice “non è forse concorrenza quella che Mediaset ha dovuto affrontare negli anni ’80 contro i grandi editori italiani di carta stampata attivi anche nella Tv (Rizzoli, Rusconi, Mondadori) e soprattutto contro la Rai? Non è forse concorrenza l’arrivo in Italia del più grande editore del mondo, Murdoch?”. Confalonieri cita anche l’apertura consentita dal digitale terrestre, la presenza di La7 del Gruppo Telecom Italia, YouTube.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi