Secondo un sondaggio di Lewis Pr, per gli italiani il quotidiano è ‘vintage’

ROMA (MF-DJ) – Cambia il modo in cui gli italiani scelgono di informarsi. Se il quotidiano assume un’aria sempre più vintage e lontana dai giorni nostri (solo il 9,2% si informa ‘sfogliando’), il 63% degli italiani dichiara di consultare prevalentemente le testate a tiratura nazionale, ma sul loro portale Internet. E’ il risultato del sondaggio che Lewis Pr, agenzia globale di comunicazione, ha condotto per capire realmente da quale fonte gli italiani preferiscono attingere informazioni.

Utilizzare Internet per informarsi non significa che le grandi firme abbiano perso di credibilità : è un modo attraverso cui l’autorevolezza della fonte è garantita ma, al tempo stesso, si ha la possibilità  di confrontare velocemente e a costo zero le diverse sfumature che assumono le news. Stessa percentuale (12,3%) per i più ‘naif’ che preferiscono i siti indipendenti e per chi, oltre a informarsi, vuole interagire dando il proprio punto di vista con link postati sui Social Network. In generale, ancora poco spazio viene dato ai blog (3,1%), considerati forse troppo poco attendibili. Il sondaggio analizza anche le fonti per genere di notizia. Per le novità  politiche è il 70% a dare massima fiducia ai siti dei grandi quotidiani, percentuale pressoché confermata anche per la cronaca (68%). Per le notizie più ‘leggere’ come lo sport, la quota scende più della metà  (33%), ma occorre considerare che il 30% dei rispondenti dichiara di non interessarsi all’argomento, cosa che, per fortuna, raramente accade per le altre categorie (rispettivamente 3% e 1,5%). E quando ci si trova di fronte all’acquisto di un prodotto, gli italiani come ricercano tutte le informazioni necessarie? Il 40% si rivolge ai siti di riferimento a seconda di ciò che si deve comprare, mentre solo il 17% consulta la pagina ufficiale dell’azienda, considerandola un po’ troppo ‘di parte’. Poca considerazione e’ attribuita a blog (7%) e forum (10%), che dovrebbero essere, teoricamente, i più ‘politically correct’.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo