Google/ Elimina servizi e fa largo a Google+

Tra gli altri scompariranno Wave, Gears e Friend Connect

New York, 23 nov. (TMNews) – Google è pronta a eliminare definitivamente alcuni dei suoi servizi che hanno avuto poco successo di mercato. Nell’annuncio, pubblicato ieri sul blog del gigante di Mountain View, il vice direttore generale Urs Hà¶lzle ha stilato la lista dei programmi che cesseranno di esistere. Tra questi c’è Google Wave. Lanciato nell’ottobre del 2009 come il programma che “avrebbe fatto fuori le email”, il software che permette al destinatario dell’email di vederla mentre è ancora in fase di redazione e che consente la condivisione di documenti tra più persone scomparirà  definitivamente il 30 aprile del 2012. L’applicazione Google Gears, che consente di utilizzare off-line alcuni dei servizi, come le mail e il calendario, che solitamente funzionano online sparirà  entro la fine dell’anno. L’applicazione Friend Connect, che permette agli utenti di connettersi con i propri amici accedendo da social network e piattaforme diverse, “sarà  utilizzabile solo dalla piattaforma Blogger a partire dal primo marzo 2012”. La mossa è volta a “incoraggiare gli utenti di Google a creare un profilo sul social network Google+”, ha detto esplicitamente Hà¶lzle. Per fare largo a Google+ già  a ottobre Google aveva chiuso l’applicazione Buzz che aveva sollevato problemi di rispetto della privacy. Il mese scorso la società  aveva annunciato che 40 milioni di persone avevano creato un account su Google+, e secondo il sito Huffington Post, è probabile che la società  continuerà  a eliminare applicazioni online per spingere gli utenti verso l’ultimo social network del gigante di Mountain View.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)