Francesco Fontana Giusti, image & communication director di Renault Italia

Quarantanove anni, figlio di un diplomatico italiano e di una francese, Francesco Fontana Giusti, dal 24 ottobre direttore della comunicazione e dell’immagine di Renault Italia, può vantare una formazione ampia e internazionale. Dopo aver ottenuto il baccalaureato (che corrisponde più o meno alla nostra licenza liceale) al liceo francese di Vienna ed essersi laureato in economia e commercio all’università  americana di Roma, Fontana Giusti ha approfondito marketing e comunicazione, materie su cui poi ha costruito la propria carriera, alla Boston University overseas.
Perfettamente trilingue (italiano, francese e inglese), sciatore provetto e fotografo semiprofessionista, il nuovo capo della comunicazione della Renault italiana ha iniziato ad applicare la propria competenza di comunicatore alla Johnson & Johnson di Roma nel 1986, prima come marketing product manager e poi come assistant channel manager. Tre anni dopo si trasferisce a Parigi con Publicis/Fcb nelle vesti di coordinatore internazionale e quindi di supervisore account. Sempre per Publicis, Fontana Giusti si trasferisce nel 1994 nel capoluogo lombardo con l’incarico di direttore account di L’Oréal Garnier con il compito di ottimizzare gli strumenti comunicativi e adattare la strategia dell’azienda al mercato nazionale.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 422 – novembre 2011

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro