Prove tecniche d’informazione

Condividi

C’è chi aspettava la fine del mondo, altri meno catastrofici la consideravano una data fatidica, comunque l’inizio di rivolgimenti importanti. Fatto sta che l’11/11/11, data palindroma per eccellenza (se letta a rovescio resta identica) ha segnato l’inizio di quella che per molti aspetti può considerarsi una nuova era nell’informazione di Mediaset. Dall’11 novembre, infatti, continuano ad andare in onda sul canale 51 del digitale terrestre diversi ‘numeri zero’ del nuovo canale all news TgCom24 per seguire in diretta l’evolversi della situazione politica in un momento così delicato per la vita nazionale, con l’approvazione della legge di stabilità , le dimissioni di Silvio Berlusconi e l’incarico a Mario Monti di formare un nuovo governo. Si tratta di ‘prove tecniche di informazione’, come dicono a Mediaset, che di fatto anticipano il debutto ufficiale della rete, previsto per il 28 novembre.
Chi l’avrebbe detto fino a poco tempo fa che il gruppo televisivo controllato dalla Fininvest potesse affidare gran parte del suo rilancio all’informazione, addirittura a un canale interamente dedicato alle notizie? Che, proprio per la rinnovata fase politica – lontano Berlusconi da Palazzo Chigi e accantonato il pericolo di elezioni anticipate – può essere valutato finalmente senza dietrologie.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 422 – novembre 2011