La post televisione di Sandro Parenzo

“Non lo so se vi rendete conto di quello che avete combinato giovedì scorso. Praticamente avete fatto nascere una nuova televisione che è diventata la terza tivù del Paese quella sera. E ne avete fatto nascere un’altra della stessa potenza sul web”. Ha aperto così Michele Santoro la seconda puntata di ‘Servizio Pubblico’. “Possono fregare tutti i ripetitori che vogliono, come hanno fatto ieri sera a Bergamo, ma è difficile che questa volta ci possano ridurre al silenzio, perché il Paese sta cambiando”, ha aggiunto il conduttore riferendosi al furto dei ripetitori di Telelombardia, il cui editore, Sandro Parenzo, è tra i principali promotori dell’avventura iniziata il 3 novembre nello scenografico cantiere allestito allo Studio 3 di Cinecittà .
“Questa operazione può essere la serra da cui prende vita un polo alternativo forte”, dice Parenzo, alla guida del network di emittenti territoriali che ha permesso a Santoro di andare in onda e registrare ascolti che hanno cambiato la geografia dell’audience. Record su record. La prima puntata, secondo i dati della concessionaria di pubblicità  Publishare guidata da Matteo Sordo (che ha fatto il pieno anche nella raccolta pubblicitaria), ha avuto una share media del 9,37% con picchi del 17,55% catapultando il nuovo circuito al terzo posto tra le televisioni più viste del Paese, dopo Raiuno e Canale 5. Un risultato di audience che sfiora il 12% (11,87%) se si considera il contributo di Sky. Un successo confermato nella seconda puntata del 10 novembre, segno che il fenomeno si sta trasformando in abitudine, sta mettendo radici nei comportamenti dei telespettatori italiani: 2.633.000 spettatori con una share del 10,42%.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 422 – novembre 2011

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale