àˆ la comunicazione che fa il brand

“Lo sviluppo di tutte le nostre strategie è volto a dare la possibilità  alla società  di esistere nel tempo. L’obiettivo è partecipare alla vita dei mercati, dare continuativamente prodotti. E per noi esserci è molto più importante che crescere, è più significativo, più credibile, più difficile che avere questa spinta eccessiva del crescere e dello sviluppare”. Usa toni alti Guido Barilla nella sua lectio inauguralis del master 2011-2012 in marketing, comunicazione e sales management di Publitalia. Davanti al presidente e amministratore delegato di Publitalia, Giuliano Adreani, al presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri, ai dirigenti della concessionaria e del gruppo televisivo e alla platea di universitari riuniti in una sala di Milano Congressi, ricorda la storia del gruppo Barilla (“La società  ha 130 anni, è stata costruita dal dopoguerra sul fare buoni prodotti e comunicarli al meglio”), cita una frase storica del padre Pietro – “Date da mangiare alle persone ciò che dareste ai vostri figli” – e poi entra nello specifico della sua lezione, intitolata ‘La comunicazione come leva strategica per passare da prodotto indifferenziato a brand’.
Barilla, si sa, è uno dei gruppi più abili nella comunicazione e più attenti a ogni sua possibile e nuova declinazione. Naturalmente è uno dei top spender italiani, e questo spiega perché Guido Barilla abbia sottolineato l’importanza della relazione tra il grupppo e la concessionaria Mediaset: “L’amicizia con Publitalia è antica e profonda ed è destinata a durare per molti anni”.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 422 – novembre 2011

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale