Io sto con la Rai!

“Da ‘raista’ convinta dico che nel dopo Berlusconi la Rai avrà  la possibilità  di confrontarsi con la concorrenza e difendersi. Questa crisi è per la tivù pubblica un’occasione unica di cambiamento e di riscatto”, sostiene Lucia Annunziata, che della Rai è stata presidente e poi direttore del ‘Tg3’.
“L’editore della Rai è la politica, difficile chiedere a un editore di disinteressarsi del suo giornale. Gli si può chiedere di dargli un assetto professionale. Dopo il duopolio depresso – in realtà  la Rai era controllata da Mediaset – occorrerebbe rivedere le norme”, dice Annunziata. “La legge Gasparri è stata il porcellum della Rai. Si cominci con il cambiare la governance: occorre esprimere un management capace, sperimentato, sull’esempio delle fondazioni bancarie. Le risorse non mancano, vanno inquadrate e valorizzate. Non regalate agli avversari”.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 422 – novembre 2011

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il nuovo numero di ‘Prima Comunicazione’ è in edicola con il ‘Diario 2017′. Mensile e allegato sono disponibili anche in edizione digitale per smartphone e tablet

Il nuovo numero di ‘Prima Comunicazione’ è in edicola con il ‘Diario 2017′. Mensile e allegato sono disponibili anche in edizione digitale per smartphone e tablet

La copertina di dicembre 2017 è dedicata a tre storie ‘stellate’

La copertina di dicembre 2017 è dedicata a tre storie ‘stellate’

La pace in bicicletta

La pace in bicicletta