TV: BAUDO, IO GODO DEL SUCCESSO DI FIORELLO

(ANSA) – PERUGIA, 24 NOV – “Io godo del successo di Fiorello”: lo ha detto Pippo Baudo rispondendo ai giornalisti, oggi pomeriggio a Perugia, a margine di un incontro promosso dall’Immaginario Festival in tema di auditel. “A me Fiorello piace – ha detto Baudo – mi piace lui personalmente. Lo stimo molto. Mi piace come si muove. Tutta la sua carriera l’ha impostata bene. E’ un ragazzo che ha studiato tanto, che si è perfezionato sempre, che non è mai accontentato di essere, ma ha voluto essere sempre qualcosa di più”. “Io godo del suo successo – ha continuato – non ho assolutamente invidia, anzi, sono orgoglioso, visto che sono stato uno dei primi ad averlo anche aiutato in qualche modo, l’ho portato come ospite ed era un grande ospite: avere ospite Fiorello è una fortuna”. Per quanto riguarda l’auditel, “si accetta”, ha detto Baudo. “Si può discutere, ovviamente. Una volta – ha ricordato – c’era questa distinzione tra indice di ascolto e indice di gradimento, che era molto giusta perché una cosa si può vedere e si può anche non gradire. Purtroppo gli americani ci hanno portato questo brutto vizio di giudizio, cioé la quantità  significa già  accettazione di un programma e questo è un errore”. “Però nel caso di Fiorello – ha osservato – è un’accettazione così massiccia, così, mastodontica, così ecumenica, direi, per cui è inutile discutere, il programma piace. Piace lui e piace il programma”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi