Mediaset: Confalonieri, con Tgcom24 non antiquati ma in controtendenza

COLOGNO MONZESE (MF-DJ) – “Non siamo antiquati, non c’e’ nessuno in Italia che fa cosi’. E’ un segnale in controtendenza”. Lo ha dichiarato Fedele Confalonieri, presidente di Mediaset, parlando di TgCom24, il nuovo canale all-news dell’emittente di Cologno Monzese, che partira’ lunedi’ prossimo. Confalonieri, nel corso della presentazione del canale, ha precisato poi che “spesso si butta addosso a Mediaset un’immagine per ragioni politiche, ma questo e’ un segnale di ripartenza. E’ come tornare indietro a 30 anni fa e riprendere la leadership nel mondo audiovisivo che abbiamo sempre avuto”. Riguardo al recente cambio politico in Italia, il presidente di Mediaset, a margine della conferenza stampa di presentazione, ha sottolineato che “ci porremmo come si deve porre un organo di informazione, non fazioso e professionale. Siamo coerenti con quello che si aspettano i telespettatori. Posso dire che se una persona fa bene il proprio mestiere, se e’ un professionista, e’ legittimato a farlo naturalmente”. Soffermandosi sulla crisi economica Confalonieri ha infine spiegato che “la finanza e’ fatta di su e giu’, up and down, mentre l’economia reale e’ fatta in maniera diversa: e’ fatta di investimenti”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi