Rai Internazionale: Giornalisti, “se i tagli saranno confermati chiuderemo a Gennaio”

ROMA (ITALPRESS) – I giornalisti di Rai Internazionale, in una lettera aperta al presidente del Consiglio Mario Monti, esprimono “forte preoccupazione per il consistente taglio alla convenzione Presidenza del Consiglio – Rai annunciato dall’ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Bonaiuti e riguardante il nostro canale”. “Se fossero confermati i tagli ai fondi per l’editoria, decisi dal precedente governo – si legge nella nota -, si decreterebbe gia’ a partire dal primo gennaio 2012 la chiusura di Rai Internazionale. Sono infatti tagli che si sommano a quelli degli anni precedenti riducendo drasticamente le gia’ scarse risorse a disposizione della nostra struttura che e’ l’unica di puro sevizio pubblico”. E ancora: “Rai Internazionale, anche nell’era dei nuovi mezzi di comunicazione, costituisce il filo diretto che ogni giorno lega milioni di nostri connazionali all’Italia, uno strumento indispensabile per la diffusione della lingua e della cultura italiana nel mondo. Spezzare questo legame, in una ricorrenza simbolica come il centocinquantesimo anno dell’Unita’ d’Italia, si tradurrebbe anche in un grave danno economico oltre che di immagine poiche’ gli italiani all’estero sono considerati i migliori ambasciatori del “made in Italy”. I nostri connazionali ci scrivono preoccupatissimi per le sorti economiche del nostro Paese ed hanno lanciato, proprio attraverso Rai Internazionale, l’idea di mettersi in rete per comprare direttamente i titoli del debito pubblico italiano e contribuire cosi’ alla salvezza del Paese”. Il cdr di Rai Internazionale chiede un incontro urgente con la Presidenza del Consiglio.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi