TV: DANDINI A MENTANA, FINALMENTE INSIEME

CONDUTTRICE AL TGLA7, CON GOVERNO MONTI BISOGNA FAR RIDERE

(ANSA) – ROMA, 24 NOV – “Finalmente insieme. Sono ospite ma anche un po’ di casa, già  sto rassettando lo studio, mettendo le sedie, cambiando le cuffie ai cameraman”. Lo ha detto Serena Dandini, presentando al TgLa7 condotto da Enrico Mentana il suo programma ‘The show must go off’, che andrà  in onda dal 14 gennaio sulla rete di Telecom Italia. La Dandini non ha voluto rispondere alla domanda sulla sua rottura con la Rai. “Basta parlare di ex mariti, basta, sono amori finiti”, ha affermato, aggiungendo che “sarà  divertente sperimentare uno show il sabato sera, su una rete che non lo ha mai fatto. Certo, con Elio e gli altri non sarà  un sabato di quelli normali. Ci saranno vari ingredienti, una fusion”. La conduttrice ha aggiunto che con il governo Monti e “misure non divertenti, bisogna far ridere gli italiani, perché saranno giornate amare. Mi piacerebbe già  essere in onda – ha proseguito -, mi fanno ridere i politici italiani che litigano senza conoscere le misure”. “Farò anche un preserale? Non me l’avevano detto – ha scherzato ancora Dandini – Sì, andrò in onda prima del tg, ma tu non ci sei (il direttore non conduce il tg nel week-end, ndr). Ti avviso però che Vergassola farà  una stage da te – ha ironizzato ancora -. Insegnagli la tecnica che hai quando non arrivano notizie e prendi tempo”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi