CINA: VIETATI SPOT DURANTE SERIAL TELEVISIVI

(ANSA) – PECHINO, 29 NOV – La Cina ha deciso di eliminare gli spot pubblicitari dalle commedie a puntate, i programmi piu” popolari trasmessi dalle televisioni cinesi. Lo ha annunciato con un comunicato sul suo sito web la Sarft, l’ organismo pubblico di controllo su televisione, radio e cinema. La decisione è stata presa, afferma la Sarft, nello “spirito” di un recente pronunciamento del comitato centrale del Partito Comunista Cinese che, senza indicare misure specifiche, ha parlato della necessità  di promuovere nel paese una “cultura socialista”. “La radio e la televisione sono i portavoce del Partito e del popolo e un importante fronte di propaganda sul terreno culturale”, sostiene la Sarft. “Sul lungo periodo, questo aiuterà  le reti tv a sviluppare i loro programmi in modo scientifico e salutare”, ha sottolineato un dirigente della Sarft interpellato dall’ agenzia Nuova Cina. I dirigenti delle reti televisive in tutto il paese “stanno sicuramente passando notti insonni”, ha commentato un funzionario di una rete provinciale. Un altro professionista del settore ha sottolineato che “il governo ci vuole veramente ammazzare se vieta tutti gli spot durante le commedie televisive piu” seguite”. Secondo l’ annuncio della Sarft (State administration for radio, film and tv), il divieto riguarda i programmi che durano fino a 45 minuti ed entrera” in vigore dal primo gennaio.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi