- Prima Comunicazione - https://www.primaonline.it -

INTERNET:MONS.POMPILI,NON E’CAUSA DIPENDENZA MA CASA BISOGNI

(ANSA) – ROMA, 29 NOV – “Non è Internet la causa della dipendenza ma diventa casomai un nuovo ambiente facilmente disponibile per trovare soddisfazione immediata ai bisogni legati alle nuove insicurezze”. Lo ha affermato monsignor Domenico Pompili, direttore dell’Ufficio Comunicazioni Sociali della Conferenza Episcopale Italiana, intervenuto ad un incontro sui giovani e Internet. “Nell’era ipermediale – aggiunge – sempre più la tecnologia é ciò in cui l’essere umano ripone la propria fiducia e la propria speranza. La speranza di realizzazione dei propri desideri più profondi”. Nel caso di Facebook, c’é il rischio che il profilo riduca l’identità  “a una forma di marketing del sé che mima i profili altrui o cerca espedienti a effetto per emergere in un ambiente sovraffollato”. I bisogni che i giovani cercano di soddisfare in rete sono bisogni di realtà , di senso e di relazione e affettività . “In un mondo in cui non ci sono divieti e non ci si scontra mai con un limite – sottolinea – in cui il confine tra immagini e realtà  diventa sempre più sfumato, in cui la tecnologia sembra poter contenere e realizzare qualunque cosa, ciò che si perde è proprio la realtà “. Il bisogno di senso, invece, deriva dalla caduta delle autorità  e “dalla confusione nel mondo degli adulti”. La soluzione non implica il rifiuto della tecnologia ma di ogni tecnologia “ci dobbiamo chiedere: serve gli scopi umani? – rileva mons. Pompili – . Una domanda che spinge a riconsiderare quali siano questi scopi e a mettere al centro la questione antropologica”. (ANSA).