INTERNET: GIOVEDI’ A BOLOGNA I TELETOPI, OSCAR DELLE WEB-TV

(ANSA) – BOLOGNA, 29 NOV – Anche le web-tv italiane hanno i loro Oscar. Si chiamano ‘Teletopi’ e saranno consegnati giovedì a Bologna all’interno di una giornata interamente dedicata a un fenomeno sempre più in crescita. Le web-tv, infatti, sono ormai oltre 500 e da passatempo degli ‘smanettoni’ tecnologici si sono ormai trasformate in vere imprese che puntano alla stabilità  economica. Così l’incontro di Bologna, organizzato dall’osservatorio di ‘Altratv.tv’ e dalla Femi, la federazione media digitali indipendenti, sarà  anche l’occasione per fare il punto della situazione nel settore. “Mostreremo come le web-tv siano ormai diventati progetti sostenibili e confronteremo i vari modelli di business”, ha spiegato Giampaolo Colletti, presidente della Femi e fondatore di Altratv. A dare un nuovo slancio allo sbarco della tv via web é stato Santoro che scelse la rete per trasmettere ‘Annozero’ contro lo stop deciso dalla Rai in periodo elettorale: “Ma occorre andare oltre l’eventizzazione, la nuova frontiera – ha proseguito Colletti – è la serializzazione dei prodotti”. I teletopi (“perché su un topo Walt Disney ha costruito un impero) premieranno i vincitori di otto categorie su 130 canali iscritti. Presidente della giuria riconfermata è Carmen Lasorella, ex giornalista Rai oggi direttrice di San Marino Rtv. La giornata, con ingresso libero ma registrazione obbligatoria, é in programma dalle 10 a sera all’auditorium Enzo Biagi della Sala Borsa di Bologna, tra convegni, workshop e la consegna delle statuette. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi