BSkyB: assemblea conferma James Murdoch presidente

LONDRA (MF-DJ)–James Murdoch e’ stato confermato dall’Assemblea dei soci di BSkyB presidente dell’emittente televisiva britannica. Murdoch ha ottenuto l’81,24% dei voti favorevoli, mentre il 18,76% dei soci presenti in Assemblea ha votato contro la conferma del figlio di Rupert Murdoch alla massima carica amministrativa della societa’.
Nel corso della riunione assembleare le principali critiche a un’eventuale rielezione di James Murdoch alla carica di presidente sono state espresse dall’azionista Standard Life. Guy Jubb, responsabile per la governance di Standard Life Investments, ha riferito durante l’assemblea come fosse inappropriato lasciare la conduzione del board a un rappresentante del maggiore azionista del gruppo. Murdoch e’ infatti vice Coo di News Corporation, societa’ editoriale che controlla il 31,9% di BSkyB.
Jubb ha spiegato che i dubbi di Standard Life sono aumentati dopo le “rivelazioni sulle lacune amministrative all’interno di News of the World”.
Il vice presidente di BSkyB Nicholas Ferguson ha difeso Murdoch, sottolineando il suo lavoro a Sky da otto anni. “James Murdoch e’ una persona molto competente”, ha spiegato agli azionisti. News Corp. e’ la societa’ proprietaria di Dow Jones & Co. che insieme a Class E. controlla quest’agenzia.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi