INTERNET: NATIVI DIGITALI, ‘DIPENDENTI A 11 ANNI’

IN CURA 240 RAGAZZI,SINTOMI COME ASTINENZA DROGA E AGGRESSIVITA’

(ANSA) – ROMA, 29 NOV – Hanno dagli undici ai ventitre anni e la loro vita si misura sullo schermo di un computer. Sono ‘nativi digitali’, nati cioé dopo l’avvento del Web, e la ragione per cui passano fino a 16 ore davanti al computer, compromettendo le ore di sonno, arrivando a lasciare la scuola e le amicizie reali è, spesso, un gioco, soprattutto violento o di guerra, sul quale fanno “un investimento emotivo formidabile”. Si esaltano, infatti, se ottengono risultati (virtuali), si deprimono se commettono sbagli e “ricevono insulti dagli stessi compagni di gioco che li hanno esaltati”. Il quadro di questa generazione di “nativi digitali” per i quali il computer, a volte, può diventare una dipendenza pari a quella delle droghe è stato fatto da Federico Tonioni, ricercatore in psichiatria all’università  Cattolica del Sacro Cuore e responsabile dell’ambulatorio per la dipendenza da Internet del Policlinico Universitario Gemelli di Roma, nel corso di un incontro dedicato ai giovani e Internet. “Dal novembre del 2009 abbiamo in cura 300 pazienti, il 20% adulti dipendenti dal gioco d’azzardo e dai siti per adulti e il restante 80%, da ragazzi giovanissimi provenienti da tutta Italia, dagli 11 anni ai 23 dediti ai giochi di ruolo on line o patiti di social network”. Alcuni hanno smesso di andare a scuola, altri, racconta Tonioni, in una reazione simile a quella dell’astinenza da droga, anche se gracili “sono arrivati a picchiare i genitori quando sono state messe in discussione le ore di connessione”. “I loro unici amici sono i compagni di guerra che li esaltano quando ottengono risultati e li insultano quando sbagliano – sottolinea – . Questo tipo di giochi non sono creativi ma solo sono eccitanti e compulsivi”. La terapia per questo tipo di dipendenza è quella di colloqui individuali e sedute riabilitative di gruppo con una psicologa dove si rieduca all’emotività . Il sintomo rivelatore, per questi giovani “nativi digitali” a rischio dipendenza, secondo Tonioni, è legato alle ore di connessione a cui si aggiunge il cruciale fattore di ritiro sociale dei ragazzi che “rinunciano o non trovano alcun entusiasmo nelle attività  fuori casa”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)