T.I.Media: Ben Ammar va in onda su La 7

MILANO (MF-DJ) – L’identikit del socio industriale e commerciale pronto a rilevare una quota importante della società  (si dice fino al 40%) e a incidere nella governance tratteggiato da Giovanni Stella, vicepresidente e amministratore delegato di T.I.Media, porta dritto a un nome. Quello, già  circolato in passato e finora sempre smentito, di Tarak Ben Ammar, scrive MF. L’imprenditore e finanziere franco-tunisino che ieri MF-Milano Finanza ha provato a contattare, attivo da anni in Italia con i gruppi Prima Tv, Europa Tv e le case di produzione e distribuzione cinematografica Eagle Pictures e Lux Vide, secondo quanto appreso da fonti qualificate avrebbe rotto gli indugi e avrebbe dato il via allo studio di un’offerta per l’ingresso nel capitale di T.I.Media. La spinta in questa direzione sarebbe sostenuta dall’interesse di alcune istituzioni del Qatar disposte a mettere sul tavolo i capitali necessari. L’obiettivo primario dell’uomo d’affari vicino sia al proprietario di Mediaset Silvio Berlusconi sia al tycoon australiano di News Corp, Rupert Murdoch, è rappresentato dall’asset La7, l’emittente che nell’ultimo anno, ponendosi criticamente nei confronti del governo Berlusconi, ha accresciuto gli ascolti fino a raddoppiare lo share medio giornaliero al 4% con picchi superiori all’11% registrati dal Tg diretto da Enrico Mentana e dal programma satirico di Maurizio Crozza. Ben Ammar conosce la storia e l’evoluzione di T.I.Media e della tv più importante del gruppo sedendo da anni nel consiglio d’amministrazione della controllante (77,7%) Telecom Italia.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi