Umore degli internauti: l’indagine rileva che i più felici sono gli over 55

Novembre 2011 – Nextplora, istituto di ricerca di mercato specializzato nelle metodologie innovative per la raccolta, rilevazione e analisi delle opinioni dei consumatori, ha diffuso i risultati di un’indagine condotta nel mese di luglio 2011 sull’umore degli internatuti. I più felici risultano essere gli over 55. Infatti, alla domanda “Quanto ti senti felice da 1 a 10 in questo momento” sono stati gli oltre 55enni ad aggiudicarsi il primo posto. Dal confronto dei sessi, emerge, inoltre, che sono i maschi a registrare punteggi di felicità  più alti con una curva dell’umore stabile durante i giorni della settimana e crescente nei weekend. Le femmine, al contrario, oltre a denunciare livelli di felicità  spesso inferiori alla sufficienza, mostrano un andamento dell’umore altalenante.
Tra le principali ragioni di buon umore durante i giorni feriali si riscontrano: 1) la famiglia 2) gli affetti 3) la vita di coppia, mentre il cattivo umore sembra essere causato da: 1) il lavoro 2) le finanze 3) la salute.
Durante i weekend restano stabili la famiglia e gli affetti come motivazioni di felicità  e le finanze come ragione di cattivo umore, mentre a risentire negativamente dell’influsso del fine settimana è la vita di coppia. A giudicarla ragione di insoddisfazione nel weekend è il 21% degli intervistati contro l’11% che le attribuisce tale ruolo nei giorni feriali. A dare tale giudizio è soprattutto l’universo femminile.
Durante i giorni feriali, il lavoro risulta incidere maggiormente sull’umore maschile rispetto a quello femminile. Il 28% degli uomini contro il 13% delle donne, lo giudica, infatti, la principale ragione di cattivo umore. Questa indagine, infine, ha focalizzato l’attenzione sulle diverse fasce d’età  che danno un peso differente alle varie fonti di buono e cattivo umore.

– Umore degli internauti (.pdf)

– Umore degli internauti (.doc)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica

Ricavi tlc e media -7,1% nel primo semestre. Agcom: editoria settore più colpito (-19%); tv (-11%); tiene l’adv online

Ricavi tlc e media -7,1% nel primo semestre. Agcom: editoria settore più colpito (-19%); tv (-11%); tiene l’adv online

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti