L’addio a Lucio Magri, suicidio assistito in Svizzera

Roma, 29 nov. (TMNews) – Suicidio assistito in Svizzera per Lucio Magri, il fondatore de ‘Il Manifesto’. A darne notizia il quotidiano da lui fondato e ‘La Repubblica’. Era stato lo stesso Magri a fare la scelta: “ho deciso di morire”, aveva detto prima di decidere tutto “con lucidità “, come scrive ‘La Repubblica’, “dalla fine alla sepoltura vicino alla sua Mara. Gli amici hanno tentato di dissuaderlo ma lui era depresso per la morte della moglie”. Così Magri, protagonista della sinistra eretica, è morto in Svizzera all’età  di 79 anni.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi