Zynga in borsa, punta a superare il successo di LinkedIn e Groupon

New York, 29 nov. (TMNews) – L’attesa degli investitori si avvicina al termine. Zynga, leader nel mercato dei videogiochi per social network, darà  inizio lunedì 5 dicembre al road show per fare conoscere l’offerta in vista dell’offerta pubblica iniziale. La notizia, non ancora confermata dall’azienda, proviene da fonti segrete di Bloomberg News. A inizio luglio i vertici di Zynga avevano depositato alla Sec, la Consob americana, richiesta per una Ipo da 1 miliardo di dollari. Ma, da allora, la società  ha continuato a rinviare la data dello sbarco in Borsa, mantenendo segreti i dettagli dell’offerta iniziale. L’Ipo di Zynga, curata dalle banche Morgan Stanley e Goldman Sachs, ha buone possibilità  di superare quelle di LinkedIn e Groupon, e diventare la maggiore tra le aziende online prima del debutto di Facebook, atteso per il 2012. Zynga, fondata nel 2007, ha raggiunto un valore di circa 15 miliardi di dollari e 260 milioni di utenti mensili su Facebook grazie al successo di giochi come FarmVille e Mafia Wars. Un boccone più che appetibile per gli investitori, che aspettano con ansia lo sbarco a Wall Street.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)