Il mercato italiano del mobile advertising a +53% tra agosto e ottobre 2011

Il 28 novembre 2011, il mobile ad network InMobi ha presentato i dati del Mobile Insights Report sull’andamento del mercato nell’ultimo trimestre conclusosi il 31 ottobre 2011. L’indagine segnala una significativa crescita del segmento nell’area europea che registra, negli ultimi tre mesi, un incremento del 53% delle impression mobili; di queste circa 21.9 miliardi sono state gestite dal network di InMobi. Sul podio dei dispositivi più utilizzati in prima posizione si conferma l’iPhone 4 con una quota del 7%, seguito dal Samsung Galaxy GT-i9000 (4%) e dal Desire di HTC (3%). Android si riconferma ancora una volta il sistema operativo più diffuso registrando una crescita di altri 6 punti percentuali negli ultimi 90 giorni. Nonostante Apple abbia perso un po’ di terreno, non è destinata ad arrendersi bensì a consolidare la sua posizione di ripresa: tra agosto e settembre è passata da una quota del 14.2% al 14.7%. Anche su scala globale Android è in testa (+6%) mentre Nokia, nonostante la seconda posizione, perde qualche quota.

– InMobi Mobile Insights Infografica Agosto-Ottobre 2011 (.pdf)

– InMobi Mobile Insights Report Agosto – Ottobre 2011 (.doc)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Banda ultralarga, green economy, ambiente e nuove tecnologie. Il Dl semplificazioni in Gazzetta Ufficiale

Banda ultralarga, green economy, ambiente e nuove tecnologie. Il Dl semplificazioni in Gazzetta Ufficiale

Agcom: SIC 2020 vale 50 miliardi, -6 causa Covid; perso un miliardo di ricavi adv; online cresce il peso delle piattaforme, cala quello dei publisher

Agcom: SIC 2020 vale 50 miliardi, -6 causa Covid; perso un miliardo di ricavi adv; online cresce il peso delle piattaforme, cala quello dei publisher

Covid: conti stabili per i media (-0,5%). Mediobanca: bene big web, gdo e farmaceutico, crollano aerei, petroliferi e moda

Covid: conti stabili per i media (-0,5%). Mediobanca: bene big web, gdo e farmaceutico, crollano aerei, petroliferi e moda