Zappia (ad di Sky Italia), “Speriamo che la nostra scelta stimoli il dibattito”

(ANSA) – ROMA, 30 NOV – “Ci auguriamo che questa nostra decisione, per quanto difficile e onerosa, possa dare un serio contributo ad avviare un dibattito aperto e costruttivo sul futuro della televisione nel nostro Paese”. Così Andrea Zappia, amministratore delegato di Sky Italia, commenta la decisione dell’emittente di ritirarsi dal beauty contest. “Un futuro – prosegue Zappia – che in Italia, come in tutto il mondo, vede lo sviluppo e l’affermarsi di nuovi modelli di business basati anche su forme e tecnologie diverse dal DTT,
basta pensare al successo che in altri mercati stanno avendo operatori che distribuiscono i loro programmi via DSL e fibra. Siamo convinti che l’obiettivo dei prossimi mesi è, e debba essere,   creare le condizioni per fare del mercato televisivo un volano dell’economia digitale e – al fine di creare nuova occupazione e sviluppo – liberare l’incredibile potenziale creativo che è parte del DNA degli italiani”. “Credo che da questo punto di vista – aggiunge l’ad – il Beauty Contest avrebbe potuto rappresentare un’importante occasione, ma ritengo che questa occasione sia stata mancata a causa dell’impostazione che è stata data a tutto il processo”. “Questa decisione – prosegue Zappia – è coerente con le scelte industriali di Sky e con la sua politica di investimenti in Italia, incentrata sull’innovazione e le nuove tecnologie, e non modifica, ma anzi conferma e rafforza, l’intenzione a continuare a investire nel nostro Paese e a fornire il nostro contributo alla sua crescita economica”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi