Maurice Levy, numero uno di Publicis, rinuncia allo stipendio fisso

(ANSA) – PARIGI, 30 NOV – Il francese Maurice Levy, numero uno di Publicis, il terzo gruppo pubblicitario mondiale, rinuncia al suo stipendio. A partire dal gennaio 2012, annuncia lo stesso Levy in un’intervista al quotidiano francese Le Monde, “non avrò più la remunerazione fissa”, ma solo quella variabile e i bonus legati alle performance del gruppo. “Avendo passato 40 anni in questa società  voglio ‘ipermeritare’ la mia retribuzione”, aggiunge Levy, 69 anni, che è stato riconfermato alla guida di Publicis per altri quattro anni.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Scende il valore del sistema media rispetto al 2013. Big lontani dal limite

Scende il valore del sistema media rispetto al 2013. Big lontani dal limite

Cairo Communication: nei nove mesi ricavi in calo a 185,7 milioni di euro. Previsto Mol in sostanziale pareggio per La7 a fine anno

Cairo Communication: nei nove mesi ricavi in calo a 185,7 milioni di euro. Previsto Mol in sostanziale pareggio per La7 a fine anno

Banzai: nei 9 mesi del 2015 i ricavi salgano a 152 milioni; la perdita cresce a 6,5 milioni di euro

Banzai: nei 9 mesi del 2015 i ricavi salgano a 152 milioni; la perdita cresce a 6,5 milioni di euro