TG1: DIREZIONE RAI, CALO ASCOLTI NON DIPENDE DA “L’EREDITA'”

(AGI) – Roma, 2 dic. – Carlo Conti e il suo programma preserale “L’Eredita’” non si toccano. Non e’ colpa di Conti se l’edizione del Tg1 delle 20 perde nella ‘guerra’ degli ascolti con la concorrenza diretta. Rai1 difende a denti stretti Conti e il suo preserale, e lo fa partendo dalla nota di ieri del direttore del Tg1, Augusto Minzolini. “Pur non volendo polemizzare con il telegiornale della rete ammiraglia, la Direzione di Rai1 non puo’ non ricordare – e’ detto in un comunicato – l’eccellente lavoro svolto da Carlo Conti e la ‘sua’ Eredita’”. Il preserale di Rai1 – ricorda la nota della rete diretta da Mauro Mazza – ha realizzato “eccellenti” ascolti “superando per ben 78 volte su 82 il programma di punta del maggior competitor”. Quindi una sottolineatura non da poco: “La parte finale de L’eredita’ ha registrato ascolti che, quasi ogni sera, si sono rivelati superiori in termini di share a quelli del Tg1 delle ore 20 come mai era accaduto nella storia di Rai1”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi