EDITORIA: SIDDI, SU ETA’ PENSIONABILE EMERGONO CONTRADDIZIONI

(AGI) – Pescara, 2 dic. – “Sul tema delle pensioni emergono contraddizioni anche nel mondo dell’editoria e del giornalismo”. Lo ha dichiarato il segretario della Fnsi, Franco Siddi, nel corso del suo intervento a un convegno organizzato a Pescara dal Sindacato Giornalisti Abruzzesi sul sistema previdenziale dei giornalisti. “La complessita’ del problema e’ enorme e oggi la sensazione e’ che si parli solo di pensioni come di un peso di cui liberarsi. Emergono contraddizioni che valgono anche per l’editoria e il nostro mondo: ad esempio il Sole 24 Ore, che sta facendo un qualificato lavoro sul fronte dell’emergenza economica, un giorno si’ e l’altro pure predica l’innalzamento brusco dell’eta’ della pensione, ma sul piano aziendale, come tante altre imprese, spinge alla grande per fare prepensionamenti baby – ha sottolineato Siddi – l’ultimo esempio e’ quello di un poligrafico mandato in pensione proprio l’altro giorno a 49 anni. Una contraddizione e la dimostrazione che serve piu’ coerenza da parte degli imprenditori e piu’ rispetto del lavoro cui non si puo’ chiedere di pagare tutti i costi sociali quando i conti non quadrano”. (AGI)
Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)