SIRIA: BLOGGER GHAZZAWI ARRESTATA ALLA FRONTIERA CON GIORDANIA

(AGI/AFP/REUTERS) – Amman, 5 dic. – Le autorita’ siriane hanno arrestato una blogger dissidente in partenza per la Giordania dove avrebbe dovuto partecipare a un workshop internazionale sulla liberta’ di stampa nel mondo arabo. Razan Ghazzawi, 30 anni, e’ stata fermata “quando ha mostrato il suo passaporto al posto di frontiera siriano di Nassib”, ha riferito un suo amico. La notizia dell’arresto e’ stata confermata anche dal Centro siriano per i media e la liberta’ di espressione, il quale ha chiesto la liberazione della giovane e la fine della “repressione contro blogger e giornalisti”. Ghazzawi e’ dal 2009 l’animatrice del blog Razaniyyat, dal quale non ha risparmiato dure critiche al regime di Bashar al-Assad. Nell’ultimo post pubblicato prima della partenza, riferiva della scarcerazione dell’amico e collega Hussein Ghreir, rilasciato la scorsa settimana dopo 37 giorni di carcere. Ghazzawi affermava che Ghreir era stato “fortunato” poiche’ detenuto in una prigione regolare e non nei centri gestiti dalla polizia segreta dove si praticano “i peggior tipi di tortura”. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)