EDITORIA: MANIFESTO CONDANNATO, DIFFAMO’ GIORNALISTA RAI

MARIA GRAZIA MAZZOLA FILMO’ IMAM TORINO, POI ESPULSO

(ANSA) – ROMA, 13 DIC – Il manifesto è stato condannato oggi dalla nona sezione penale del Tribunale di Roma “per avere pubblicato il 10 gennaio 2008 un articolo a nome di Sherif El Sebaie dal titolo ‘Espulso l’imam del falso sermoné, nel quale si affermava che lo scoop di Maria Grazia Mazzola andato in onda nella puntata di Annozero del marzo 2007, sull’imam di Torino Mohamed Kohaila, era falso ed era una bufala, e aveva in qualche modo contribuito a una ingiusta espulsione”. Lo comunica in una nota la stessa giornalista, inviato speciale del Tg1 e all’epoca in distacco a Rai2 per lavorare con Michele Santoro. “Durante la mia inchiesta – ricorda la giornalista – io avevo introdotto una microtelecamera in una moschea di Torino, dove l’imam salafita faceva prediche antioccidentali incitando alla non integrazione e a stare lontano da ebrei e cristiani, a non contaminarsi”. L’imam fu poi espulso. La nona sezione penale del Tribunale di Roma “oggi ha dichiarato Sandro Medici, direttore del manifesto, e Sherif el Sebaie, autore del pezzo, colpevoli dei reati loro ascritti. Rispettivamente diffamazione a mezzo stampa e omesso controllo ai danni di Maria Grazia Mazzola”, spiega la nota. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo