RAI: ITALIANI CANADA, PROTESTA CONTRO STOP RAI INTERNATIONAL

LETTERA A NAPOLITANO E MONTI, COSI’ SI TAGLIA PONTE CON ITALIA

(ANSA) – TORONTO, 13 DIC – Forti le reazioni in Canada alla notizia della chiusura della programmazione di Rai International, che ora si chiama Rai Italia. Il Comites (Comitato italiani all’estero), che solo a Toronto rappresenta oltre 500 mila italiani, si è fatto promotore di una campagna perché la Rai continui a essere trasmessa e ha scritto lettere al premier Mario Monti e al presidente dell Repubblica Giorgio Napolitano. “La comunità  italiana residente a Toronto – ha dichiarato Cucchi, presidente del Comites – risentirà  di questi nuovi tagli, dopo che già  i programmi sono stati ridotti del 70 percento”. In seguito alla politica di tagli del governo italiano programmi come ‘Italia chiama Italia’ o ‘Gran sportello Italia’, da anni nelle case di molti italiani all’estero, dal primo gennaio prossimo – viene spiegato – saranno cancellati. “I tagli alla Rai – commenta Alberto Di Giovanni, direttore del Centro Scuola e Cultura Italiana di Toronto – si aggiungono a quelli dell’insegnamento della lingua e cultura italiana e rivelano il completo smantellamento del ponte tra l’Italia e gli italiani all’estero. E’ la prova che i burocrati non conoscono la nostra realtà  e a lungo andare ne soffriranno l’immagine dell’Italia all’estero e l’economia italiana”. Secondo gli italiani che vivono in Canada la situazione è triste, perché l’Italia non si cura più di loro. “Per me è la rovina”, ha dichiarato Giovanna, “per gli anziani specialmente, ne parlavo con mio padre, e che facciamo, mi diceva… io vorrei pagare anche di più pur di averla, mio padre ha 89 anni e lui passa la giornata con la Rai, per tutto il giorno aspetta Porta a Porta e Ballarò”. Rai Italia è presente in Canada dal 2005, quando il Comites organizzò una raccolta di centomila firme per ottenere il canale. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi