B.Mps: prima tra banche tradizionali per utilizzo social network

SIENA (MF-DJ) – Banca Mps e’ prima tra le banche tradizionali per l’utilizzo dei social network, con risultati di performance considerevoli legati anche all’uso sinergico dei diversi canali. Questo e’ il risultato dello studio “Brands & Social Media. Osservatorio su 100 aziende e la comunicazione sui social media in Italia”, ricerca realizzata dall’OssCom, Osservatorio sulla Comunicazione dell’Universita’ Cattolica, e Digital Pr che hanno analizzato il comportamento sui social media nel territorio nazionale di 100 aziende, attraverso una mappatura analitica delle loro attivita’ on line. Nel report dedicato al settore “Banche e Assicurazioni” la strategia di comunicazione dell’istituto senese registra la migliore performance tra le banche di impostazione tradizionale. Secondo l’analisi dell’Osservatorio, la frequenza di aggiornamento della pagina Facebook (1,07 post al giorno nel periodo considerato dalla ricerca) e’ tra i fattori distintivi del comportamento della banca rispetto alle dirette concorrenti, ma e’ soprattutto la presenza sul canale Youtube a registrare i risultati piu’ significativi. Il brand channel di B.Mps, con oltre 560.000 visualizzazioni totali, 43 video caricati e piu’ di 200 iscritti a due anni dal lancio del canale, si distingue secondo il rapporto di OssCom per l’elevata media di commenti ai video piu’ visti (17,9), incentivati anche dall’intervento diretto della banca in risposta agli utenti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)