Gb: grandi aziende finanziano siti web che offrono film ‘piratati’

La colpa è delle agenzie di pubblicità 

Roma, 20 dic. (TMNews) – Alcune importanti società  britanniche tra cui British Telecom, British Gas, Tesco e EasyJet stanno indirettamente finanziando con le loro inserzioni pubblicitarie i siti web britannici che permettono di scaricare illegalmente film e programmi tv. Lo riporta il sito web del Times. Nonostate siano state messe in guardia dalle autorità , queste società  e aziende stanno continuando a pubblicare le loro inserzioni anche sui siti illegali a causa delle agenzie pubblicitarie, che cercano di avere il maggior numero di siti web nei loro ‘network’, per massimizzare i guadagni. Il problema è stato sollevato dalla ‘Federation Against Copyright Theft’ (Fact), secondo cui i siti che offrono copie ‘pirata’ di film e programmi tv costano all’industria britannica del settore 200 milioni di sterline l’anno di perdite.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)