Edicolanti contro le liberalizzazioni: chiusura totale il 27, 28 e 29 dicembre

Edicolanti in rivolta contro il provvedimento di liberalizzazione della rete di vendita dei giornali. Nel comunicato diffuso il 15 dicembre 2011, le Organizzazioni sindacali hanno espresso disappunto e preoccupazione, in quanto l’approvazione della norma rappresenterebbe una minaccia alla sopravvivenza di migliaia di edicole: “La liberalizzazione del nostro settore mette così in crisi il principio di parità  di trattamento, non garantisce alcun vantaggio ai consumatori (in quanto il prezzo delle pubblicazioni è comunque fissato dagli editori) e colpisce quella rete di punti vendita esclusivi che con il loro lavoro ed il loro impegno assicurano la diffusione della stampa, senza portare alcuna sostanziale apertura di mercato e alcuna possibilità  di sviluppare una reale   concorrenza”.
Per protesta, annuncia il comunicato, le edicole resteranno chiuse il 27, il 28 e il 29 dicembre.

– Comunicato stampa congiunto degli edicolanti (.doc)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Nel 2020 quasi 400 giornalisti sono detenuti nel mondo. Rsf: numeri stabili, ma con Covid più arresti arbitrari

Nel 2020 quasi 400 giornalisti sono detenuti nel mondo. Rsf: numeri stabili, ma con Covid più arresti arbitrari

Digital Services Act, le associazioni culturali al commissario Gentiloni: testo debole su contrasto a pirateria e contraffazione. Ue cambi rotta

Digital Services Act, le associazioni culturali al commissario Gentiloni: testo debole su contrasto a pirateria e contraffazione. Ue cambi rotta

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica

Cresce del 20% la spesa per contenuti digitali in Italia: traina il gaming, poi video, editoria e musica