Editoria: Solidarietà  di Lettera22 a ‘Rinascita’

Roma, 23 dic. (TMNews) – “Già  da qualche anno assistiamo alla progressiva riduzione dei contributi pubblici all’editoria, garanzia di pluralità  dell’informazione. Negli ultimi giorni – denuncia in un comunicato Lettera22 (www.lettera22.info) -, a causa di una singolare richiesta di un parere dell’Avvocatura dello Stato sui bilanci di alcuni quotidiani (peraltro certificati da revisori Consob) la presidenza del Consiglio dei Ministri ha sospeso l’erogazione dei contributi già  stanziati per le attività  dell’anno 2010 destinati a 19 giornali. Un atto passato sotto silenzio e che rischia di far cessare le pubblicazioni anche di una testata storica come Rinascita, che fra giornalisti e personale amministrativo dà  lavoro a più di 20 persone, oltre al’`indotto”. “Come accaduto per altri colleghi ed altre realtà  che in questi giorni hanno goduto di solidarietà  bipartisan per le conseguenze dei tagli all’editoria – conclude la nota di Lettera22, è opportuno sollevare l’attenzione su una questione che mette a rischio il futuro dei redattori e dipendenti di Rinascita e delle loro famiglie, oltre che di una voce omologata nel panorama informativo italiano”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)