Gb/ Scotland Yard vara codice rapporti con la stampa

Sesso e alcool, purché non con i giornalisti

Londra, 4 gen. (TMNews) – Sesso e alcool, purché non con i giornalisti: Scotland Yard vara il nuovo codice deontologico per gli agenti che riguarda i rapporti – d’ora in poi esclusivamente su base analcoolica e platonica – con la stampa, dopo lo scandalo delle intercettazioni. “Bere in compagnia dei giornalisti non è vietato, ma dovrebbe trattarsi di un evento eccezionale”, sottolinea il rapporto firmato dalla parlamentare Elizabeth Filkin e che Scotland Yard si è impegnata ad adottare il più presto possibile; sconsigliato poi “festeggiare fino ad un’avanzata ora della notte” o “accettare una bottiglia di vino di troppo a cena, tattiche usate dai giornalisti per sciogliere la lingua”, si legge nel documento – invero non troppo lusinghiero per la reputazione delle forze dell’ordine. I solerti tutori della legge dovranno inoltre non fidarsi di quei reporter che “flirtano” per poterne conquistare la confidenza: quanto ai briefing confidenziali, dovranno costituire l’eccezione; insomma, niente più “conversazioni segrete e contatti inappropriati”. Lo scandalo delle intercettazioni non ha colpito solo numerose testate accusate di pratiche dubbie quando non illegali, ma anche la polizia: non pochi agenti sarebbero stati disposti a rivelare informazioni riservate in cambio di denaro.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale