Media/ Ipi: 103 giornalisti uccisi nel 2011

Il paese più a rischio è stato il Messico

Vienna, 5 gen. (TMNews) – L’istituto Internazionale della stampa (Ipi), con sede ha Vienna, ha calcolato che l’anno appena trascorso ha visto 103 giornalisti uccisi mentre svolgevano il loro lavoro. La maggior parte – 36 – è stata assassinata in America Latina. Il paese più a richio per i giornalisti è il Messico, con 10 vittime, davanti all’Iraq con 9. Regionalmente, dopo l’America Latina, la zona del mondo più pericolosa è il mondo arabo, con 21 giornalisti uccisi. Mentre in nord africa sono stati ammazzati 8 giornalisti mentre coprivano gli eventi della cosiddetta “primavera araba”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari