Editoria/ Lettera minatoria a direttore rivista Mucchio Selvaggio

“Se non vi uccide Monti, vi fermerò io”

Roma, 10 gen. (TMNews) – “Il Mucchio deve chiudere definitivamente altrimenti facciamo saltare per aria te e il giornale”. Questo il messaggio della lettera anonima, già  denunciata alla Questura, recapitata al direttore del mensile di musica, cinema, libri e attualità  “Il Mucchio Selvaggio”, Daniela Federico. Lo riferisce una nota della rivista. “I recenti tagli retroattivi di Monti al fondo dell’editoria – si legge nella nota – stanno mettendo in crisi anche le piccole testate tra cui il Mucchio. Per evitare la chiusura il mensile si è rivolto ai suoi lettori lanciando sul giornale e sul sito -www.ilmucchio.it – una campagna abbonamenti d’emergenza che lega il futuro del giornale a 2000 nuove adesioni da raccogliere entro la fine di gennaio. La risposta dei lettori è stata positiva e immediata, quasi 500 nuovi abbonamenti in una settimana. Il giornale, prima dell’imprevedibile taglio dei contributi, era in fase di rilancio tanto da rinnovare la grafica con la quale si presenta già  nel numero in edicola da qualche giorno. Dalla metà  di gennaio inoltre pubblicherà  una nuova applicazione per iPad. Nei prossimi mesi avrebbe messo online anche il nuovo sito”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo