Sanremo: Avvenire, nella faccenda Celentano la Rai rischiare di perdere

Condividi

(ASCA) – Roma, 1 feb – Nonostante la notizia che Celentano devolvera’ in beneficenza i 700mila euro per la sua presenza al festival di Sanremo, la vicenda per Marco Tarquinio, direttore del giornale dei vescovi ‘Avvenire’ resta ‘una brutta faccenda’. ”Conosco, ovvio, le regole dello spettacolo e dello spettacolo sponsorizzato: bisogna calamitare attenzione, bisogna attirare investitori. Per la Rai, in soldoni (e’ il caso di dirlo), i tanti quattrini dati a un popolare cantante-mito -dice Tarquinio rispondendo alle molte lettere indignate dei lettori- sono la base per ottenerne molti di piu’ da chi fa pubblicita’. In un gioco cosi’ ci guadagnano tutti, si dice. Tutti, gia’. Tranne quei cittadini-pagatori di canone che si fanno le domande e sviluppano i ragionamenti ai quali, qui, sto provando a rispondere anch’io”. ”Vado al punto: temo proprio -scrive Tarquinio- che alla fine a farci la figura peggiore sara’ il servizio pubblico radiotelevisivo, anche se vincera’ di nuovo la partita degli ascolti e degli introiti. Il Molleggiato, infatti, avra’ gratuitamente preso e gratuitamente dato, gli sponsor saranno soddisfatti e si sentiranno anche un po’ piu’ buoni, tutti saremo edificati dal disinteresse guascone del piu’ originale e incantatore degli inaffondabili della grande canzonetta italiana, ma la Rai nella testa di tanti – che cambino o non cambino canale o addirittura arrivino a spegnere la tv – restera’ quella che in tempo di duri sacrifici continua a elargire cifre da capogiro ai soliti noti”. ”E i piu’ attenti annoteranno anche che mentre con una mano da’, con l’altra toglie: chiudendo sedi giornalistiche nel sud del mondo che in un anno costano la meta’ del cachet che una star incassa per una serata… Ho stima per chi regge il timone dell’azienda di Viale Mazzini in questa fase complicata e di vorticosa (e disorientante) evoluzione sul piano della dialettica politico-gestionale interna. Proprio per questo mi auguro -afferma Tarquinio- che riesca a ribaltare anche questa tendenza e a restaurare, interpretandolo compiutamente, il ruolo civile e culturale della Rai. Non sarebbe solo un buon messaggio per tutti noi, sarebbe un autentico servizio pubblico”. Tarquinio conclude con un post scriptum: ”Un modo per avviare un recupero non solo spettacolare e all’insegna della gratuita’ piu’ piena forse ci sarebbe. Ed e’ gia’ stato suggerito su queste colonne da un nostro lettore, volontario dell’Associazione italiana dei donatori di organi: portare a Sanremo come ospite anche la canzone ‘Vivo con te’ e la storia di donazione di Alessio e Camilla”.