Vicenda Rcs: per Bazoli “una sentenza chiarissima su una causa del tutto infondata”

Condividi

Di seguito la dichiarazione rilascia all’Adn Kronos dal Prof. Bazoli, presidente del consiglio di sorveglianza di Intesa Sanpaolo, in merito alla vicenda Rcs.

1 febbraio 2012 – La sentenza del Tribunale civile di Milano, che ha rigettato le richieste proposte da Angelo Rizzoli nell’ambito della causa per l’acquisto del controllo di Rizzoli Editore nel 1984, “e’ stata chiarissima nel definire questa causa del tutto infondata. Anzi, nel definirla così infondata da condannare l’attore per lite temeraria”. Così Giovanni Bazoli, presidente del consiglio di sorveglianza di Intesa Sanpaolo, interviene sulla sentenza del Tribunale di Milano che il 12 gennaio 2012 ha rigettato le richieste proposte da Angelo Rizzoli nell’ambito della causa per l’acquisto del controllo della casa editrice Rizzoli Editore, all’epoca proprietaria del ‘Corriere della Sera’.
“Eravamo assolutamente tranquilli che non ci potesse essere un esito diverso -ha sottolineato Bazoli all’Adnkronos- anche perchè c’erano già  stati pronunciamenti ed è proprio quello che probabilmente ha indotto il giudice a ritenere non solo infondata, ma veramente ingiustificata, una nuova azione giudiziaria su temi già  trattati e gia’ risolti”.