INTERNET: POLIZIA E GOOGLE, LEZIONI “USO CONSAPEVOLE” A RAGAZZI

(AGI) – Roma, 3 feb. – Polizia di Stato e Google alleate per educare i ragazzi ad uso sempre piu’ conspevole del web. Nell’ambito delle iniziative promosse per celebrare il “Safer Internet Day 2012”, fissato quest’anno per il 7 febbraio, la Polizia postale e delle comunicazioni e Google, membri del Comitato del Centro Giovani Online (www.sicurinrete.it), organizzeranno workshop nelle scuole di 100 capoluoghi di provincia per un’edizione speciale del progetto “Non perdere la bussola”, nato nel 2009: saranno oltre 50mila i ragazzi sensibilizzati sul sul tema “Connettere le generazioni educandosi a vicenda: insieme, per un mondo digitale piu’ sicuro”. La formazione viene effettuata dagli agenti della Polizia postale nelle scuole che ne hanno fatto richiesta. L’obiettivo di “Non perdere la bussola” e’ di spiegare ai ragazzi che navigano in rete e frequentano YouTube e social network “come sfruttare le potenzialita’ comunicative del web e delle community online senza correre rischi connessi alla privacy, al caricamento di contenuti inappropriati, alla violazione del copyright e all’adozione di comportamenti scorretti o pericolosi per se’ o per gli altri”. A partire dal 2011, agli incontri riservati ai ragazzi, che si svolgono durante l’orario scolastico, si e’ aggiunta la possibilita’ per le scuole di ospitare anche incontri dedicati a genitori e formatori, in modo che possano svolgere il loro ruolo educativo con maggiore consapevolezza. “Internet e’ una risorsa fondamentale soprattutto per i giovani, per i quali ormai rappresenta un’occasione di crescita sia culturale sia sociale, uno strumento di aiuto nello studio e nella ricerca di nuove informazioni – spiega Antonio Apruzzese, direttore del servizio Polizia postale e delle comunicazioni – E’ necessario che i ragazzi imparino ad usare internet in maniera critica e sicura e che acquisiscano le competenze necessarie affinche’ navigare nel web rimanga un’opportunita’ e non si trasformi in un pericolo. E’ indispensabile, dunque, un’opera di sensibilizzazione e informazione continua non soltanto nei confronti dei giovani, ma anche di genitori e docenti, che devono essere in grado di dare i consigli giusti figli e allievi”. Oltre che nel sostegno a questo progetto, l’impegno di Google sui temi della sicurezza e della protezione della privacy si concretizza anche in una serie di risorse disponibili online, quali il ‘Centro per la sicurezza online della famiglia” (www.google.it/sicurezzafamiglia) e il “Centro sulla Privacy” (http://www.google.it/intl/it/privacy/). (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi