INTERNET: OSSERVATORE, TWITTER PUO’ ANNUNCIARE IL VANGELO

(AGI) – CdV, 4 feb. – Anche grazie a Twitter “in un mondo che cambia rapidamente, la parola dei Vangeli puo’ riacquistare per moltissime persone la forza e il fulgore delle origini”. Lo sottolinea l’Osservatore Romano che – sulla scorta di quanto affermato dal Papa nel suo recente messaggio per la Giornata delle Comunicazioni Sociali – esalta oggi questo social-network che consente di diffondere e scambiare tra gli utenti brevi messaggi di testo, 140 battute. Una lunghezza, osserva il giornale della Santa Sede che corrisponde a quella di molti versetti dei Vangeli. “In rete – rileva l’editoriale – oggi si apre una nuova era alla divulgazione evangelica. Con una missione certamente non facile, ma carica di nuovo entusiasmo e di fervore”. Secondo il quotidiano del Papa, “alcuni lo hanno gia’ capito: oltre al cardinale Ravasi, anche il gesuita Antonio Spadaro, che dirige La Civilta’ Cattolica, e’ attivissimo in rete (www.cyber-theology.net)”. Insomma, conclude, da Twitter viene un cinguettio che invita a ripensare nuovi modi di comunicare la fede”. “Per far si’ – conclude – che gli user facciano proprie le parole che non passano”. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)