RAI: DOMANI ESAME PIANO FICTION, IN CDA DUBBI E CRITICHE

Condividi

IN DISCUSSIONE CIRCA 30 PROGETTI DA TARALLO A BARBARESCHI

(ANSA) – ROMA, 8 FEB – Sarà  il piano fiction 2012 il piatto forte del cda Rai in programma domani mattina. In programma c’é la discussione tra i consiglieri, dopo il rinvio della scorsa settimana, ed al voto si dovrebbe arrivare solo la prossima settimana. Sul piano, che prevede circa una trentina di fiction, non mancano perplessità  da parte dei consiglieri ed è probabile che arrivino critiche trasversali. Tra i punti dolenti – si apprende in ambienti del cda – l’assenza di una linea editoriale chiara, in particolare relativamente ai contenuti, ma anche alla struttura dei prodotti, oltre a dubbi sui costi. In particolare Giorgio Van Straten ha contestato il costo di attivazione ritenuto eccessivo della fiction ‘Bentornato Nero Wolfe’, prodotta dalla Casanova Multimedia di Luca Barbareschi. I sindaci revisori della tv pubblica si sono riservati di approfondire il caso e domani è attesa una loro risposta. Tra i produttori ci sarebbero Alberto Tarallo con la nuova società  Notorius impegnato nel progetto di portare in tv Le memorie di Adriano, il capolavoro di Marguerite Yourcenar, con protagonista Gabriel Garko, l’ex dg della Rai ed ex direttore di Rai Fiction Agostino Saccà  al debutto con due o tre progetti, Elide Melli con la Cosmo, Massimo Ferrero detto Viperetta, mentre avrebbero meno spazio i produttori storici della Rai. Tra questi la Publispei avrebbe in piano una nuova stagione del Medico in famiglia 13 puntate da un’ora nel 2012 e 13 nel 2013. Discorso a parte per la Lux, presente con diversi progetti, a cominciare dalla seconda stagione delle suore investigatrici Che Dio ci aiuti. In cda domani potrebbero arrivare anche nuove polemiche dopo lo scontro seguito alla nomina di Alberto Maccari al Tg1 e Alessandro Casarin alla Tgr. I consiglieri Guglielmo Rositani e Angelo Maria Petroni, che ha inviato una lettera in merito alla Commissione di Vigilanza, potrebbero sollevare critiche alle affermazioni del presidente Paolo Garimberti sulla ingovernabilità  dell’azienda. Tra i temi caldi, sollevati nell’ultimo periodo, anche la richiesta di Van Straten di avviare una procedura nei confronti del dg Lorenza Lei per alcune spese e assunzioni fatte nell’ultimo periodo.