AFRICA, LA ‘PACIFICA RIVOLUZIONE’ DELLA TV AVANZA

Condividi

Johannesburg – Nell’Africa sub-sahariana si impennano i consumi televisivi e per i prossimi cinque anni si attende un autentico ‘boom’. A dirlo e’ l’ultimo rapporto dell”Istituto di ricerca sulla Tv digitale’ che a fine 2011 ha contato 148 milioni di famiglie dell’Africa ‘nera’ abbonate alla payTv e ha previsto un ulteriore incremento di 20 milioni di utenti entro il 2017. La notizia oltre a far piacere ai distributori di contenuti televisivi (che prevedono lauti ricavi), e’ significativa perche’ rivela la crescita di nuovi bisogni nel continente, sintomo che sta nascendo e crescendo un cento medio. Una sorta di “rivoluzione pacifica” per l’Africa, finora abituata a vivere una netta separazione tra ricchi e poveri. Secondo il rapporto dell’Istituto un quarto dei nuovi utenti saranno nigeriani e circa il 15% sudafricani. Per la precisione nell’Africa occidentale i consumatori di televisione a pagamento a fine 2011 erano quasi 40 milioni, ed e’ previsto che diventino 50milioni nel 2017, di cui la maggior parte in Nigeria. I dati sono coerenti con la distribuzione demografica: la Nigeria, infatti, e’ il paese piu’ popoloso dell’Africa con circa 160 milioni di persone (vuol dire che un africano su cinque e’ nigeriano). Nell’Africa occidentale solo un quarto delle famiglie (poco meno di 10 milioni) disponeva a fine 2011 del segnale digitale, ma in cinque anni e’ previsto un aumento del digitale di oltre il 50% fino ad arrivare a oltre 27 milioni utenti., di cui piu’ di 9 milioni in Nigeria. In Sudafrica invece e’ previsto che il digitale raggiunga una copertura totale del 100 per cento entro il 2017. (AGIAFRO)