Tv: Nieri (Mediaset); Rai ai privati? C’e’ gia’ tanto privato

ROMA (MF-DJ)–“La linea del Governo non si e’ ancora palesata ma secondo me non ha senso pensare di privatizzare la Rai, che svolge un servizio pubblico e, checche’ se ne dica, nel privato con il digitale di concorrenza gia’ ce n’e’ in abbondanza. La Rai anzi dovrebbe sempre piu’ focalizzarsi e stringersi sulla funzione di servizio pubblico”. Lo afferma Gina Nieri, consigliere di amministrazione di Mediaset, al programma tv KlausCondicio di Klaus Davi. “Secondo me – prosegue la responsabile delle relazioni istituzionali e sviluppo strategico di Mediaset – il sistema televisivo italiano ha una sua particolarita’, vale a dire un sistema privato che si e’ aggiunto a un sistema pubblico, il quale e’ diventato sempre piu’ un ibrido di finanziamento pubblico e finanziamento privato. In Europa la tendenza e’ quella di diminuire la pubblicita’ nel servizio pubblico, ma mi sembra che l’Upa vada nella direzione opposta. Nel settore tv c’e’ bisogno di tutto meno che di altri concorrenti, -prosegue Nieri- se non sviluppiamo le nostre dimensioni non saremo in grado di competere con i colossi mondiali”. Inoltre, alla domanda sulla possibilita’ di nominare un’amministratore delegato per la Rai, Nieri replica che “non sta a me commentare”, ma “la cosa importante e’ che una grande azienda come la Rai, che deve rimanere forte, venga gestita con una logica aziendale. Lorenza Lei e’ una persona capace, conosce l’azienda e mi fa molto piacere che sia una donna a essere direttore generale”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi