Sanremo: Fam.Cristiana, Celentano ipocrita, povera Rai che lo applaude

Condividi

(ASCA) – Roma, 15 feb – ”Adriano Celentano e’ solo un piccolo attivista dell’ipocrisia, un finto esegeta della morale cristiana che sfrutta la tv per esercitare le sue vendette private”: lo scrive Famiglia Cristiana nella sua edizione online, rispondendo agli attacchi lanciati ieri sera dal Molleggiato sul palco di Sanremo. Il settimanale cattolico aveva nei giorni scorso criticato l’ingaggio faraonico per Sanremo, ”tradotto poi in beneficenza a suon di tromba, o meglio ancora di grancassa”. Ieri sera, ”con l’avallo della Rai”, Celentano ha pontificato su ”preti e frati che non sanno parlare alla gente, insulta il nostro giornale e quello della Cei che neanche si occuperebbero di fede e religione, tratta Grasso da deficiente. In coda, poi, il solito repertorio di frusta demagogia, anzi piu’ ovvio, scontato e sbracato del solito. Inascoltabile”. Per il settimanale paolino ”il lato incredibile della vicenda e’ che la Rai butti l’equivalente di un miliardo e mezzo delle vecchie lire, che Celentano sia autorizzato a spargere velenose menzogne, che un repertorio da agit-prop venga contrabbandato come lezione magistrale. Povera Rai, una volta di piu’, con quella prima fila di papaveri che alla fine del vaniloquio si alzano in piedi per applaudire, invece di tirare ortaggi”. Quelle di Celentano, secondo Famiglia Cristiana, non sono ”meditazioni”: ”I silenzi del cantante dipendono dai vuoti di memoria, dalle sconnessioni intellettuali, dai tranelli del linguaggio articolato… Adesso provvedono due marchingegni elettronici, uno per orecchio, del tipo inventato da Gianni Boncompagni quando teleguidava Ambra. Vien persino da rimpiangere le dimenticanze, almeno stava zitto”. Comunque, nessuna censura nei suoi confronti: ”Da noi c’e’ liberta’ di ‘raglio”’. Pero’, ”quella che non va passata sotto silenzio – e qui non si parla davvero dei silenzi coatti di Celentano – e’ la linea della Rai. Si e’ messa nelle mani di un patetico aspirante profeta, ed e’ grave. I suoi capi hanno battuto le mani, ed e’ peggio. Si vergognino, loro piu’ di lui”.