WEB: POLILLO (AIE), OK ALT PIRATERIA EBOOK CON CHIUSURA LIBRARY.NU

(AGI) – Roma, 15 feb. – “Grazie a un’azione internazionale a cui ha preso parte anche l’Associazione Italiana Editori (AIE) da ieri non e’ piu’ possibile scaricare ebook pirata dal sito Library.nu e dal suo servizio di sharehosting ifile.it”. Lo dice il presidente di AIE, Marco Polillo, che parla di “un’operazione congiunta internazionale per rimuovere una delle maggiori biblioteche illegali online, con oltre 400mila ebook – di cui 4mila italiani – per il download immediato, gratuito e anonimo, e con un ritorno per i titolari dei siti di circa 8milioni di euro grazie alla pubblicita’ e alla vendita di account a livello premium. Il decreto ingiuntivo notificato ieri ai proprietari dei due siti ha determinato la dismissione delle attivita’ di Library.nu (oggi l’indirizzo del sito rimanda a http://books.google.com/books) e la progressiva cancellazione dei file ‘fisicamente’ ospitati nel sito ifile.it (che, al momento, ha sospeso anche i servizi di upload)”. “L’industria internazionale del libro ha dimostrato che continua a resistere contro la criminalita’ organizzata che attenta al copyright- ha spiegato Jens Bammel, segretario generale dell’Associazione internazionale degli editori -. Non tollereremo scrocconi che realizzano profitti ingiustificati, privando gli autori e gli editori di quanto loro dovuto. Questo e’ un passo importante verso un commercio piu’ trasparente, onesto e leale dei contenuti digitali in Internet”. “E’ un colpo netto contro la pirateria degli ebook su internet – ha spiegato il presidente di AIE Marco Polillo -: questo era senza dubbio il maggior sito pirata esclusivamente dedicato ai libri e quindi l’operazione ha oggi per noi la stessa portata della chiusura di Megavideo e Megaupload per il mondo dei film”. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)