CELENTANO: DI PIETRO “COMMISSARIARE DIRIGENTI RAI”

Condividi

ROMA (ITALPRESS) – “Si puo’ essere piu’ o meno d’accordo sulle cose che ha detto ieri sera Adriano Celentano – ed io, per chiarirci, lo sono – ma in un Paese libero e democratico la critica e’ un diritto e la liberta’ di espressione e’ uno dei capisaldi della nostra Costituzione. Io e tutta l’Italia dei Valori vogliamo ringraziare Celentano per aver ricordato il nostro impegno referendario e quel milione e duecentomila cittadini che hanno sottoscritto la proposta per cambiare la legge elettorale. In fondo, i nostri padri costituenti non solo hanno dato la sovranita’ al popolo, ma hanno garantito a esso i principi contenuti nell’articolo 21”. Lo scrive sul suo blog il leader dell’Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, che aggiunge: “L’anomalia non sta nel fatto che Celentano abbia ricordato il referendum, ma nel fatto che coloro che dovrebbero dare una risposta politica ai cittadini non la danno. E l’arte non puo’ e non deve essere censurata. Lo ricordiamo a tutti questi soloni della politica che, in queste ore, si scandalizzano per le critiche trasparenti mosse da Celentano. Sono gli stessi che hanno taciuto quando direttori di tg, come Minzolini, facevano a pezzetti anche l’ombra dell’obiettivita’ e dell’imparzialita’ nel servizio pubblico”. “I dirigenti Rai – prosegue Di Pietro – hanno molti problemi seri a cui pensare, primo fra tutti smettere di obbedire ai loro padrini politici di riferimento e iniziare a liberare l’azienda dal condizionamento dei partiti, rilanciando realmente il servizio pubblico. Il fatto che invece si preoccupino di censurare un grande artista come Adriano Celentano, che ha rilanciato temi fondamentali quali quelli dei diritti civili dei cittadini, e addirittura decidano di commissariare il festival di Sanremo spiega perche’ l’azienda pubblica navighi in cosi’ cattive acque”. “Forse alla signora Lorenza Lei i programmi che vanno troppo bene e le voci libere danno fastidio. Cosi’, dopo aver messo alla porta Michele Santoro, che da solo tirava un’intera rete, facendo una vera informazione e non da veline, adesso ha avuto la bella idea di provarci anche con Celentano che ieri le ha portato 14 milioni di spettatori. Insomma e’ arrivato il momento di voltare pagina: bisogna commissariare i dirigenti Rai”, conclude.  (ITALPRESS).