Vajont/ Giurista: Così rischiono sparire interi quotidiani on-line

‘Primo caso del genere: in pericolo il diritto all`informazione’
Roma, 17 feb. (TMNews) – Se la decisione del gip di Belluno di chiudere il sito www.vajont.info e di disporre a 226 provider italiani di impedire l’accesso al portale diventasse una prassi, si potrebbe “ledere gravemente i diritti all`informazione dei cittadini italiani che potrebbero vedere scomparire dal mondo della rete interi quotidiani, blog, portali informativi, in virtù di una o più frasi ritenute lesive dei diritti di un singolo cittadino”. Lo dice sul suo blog Fulvio Sarzana di S. Ippolito, esperto giurista di tematiche legate ai diritti fondamentali e rete internet. Sarzana ricorda che “al di là  della vicenda giudiziaria specifica, delle responsabilità  del titolare del portale che andranno accertate e della giusta tutela spettante in quel caso agli Onorevoli Scilipoti e Paniz, sino ad oggi la magistratura aveva sempre esitato nell`imporre ai provider lo strumento dell`inibizione all`accesso per i cittadini italiani in occasione di un sequestro preventivo dei portali e dei blog per diffamazione – ricorda Sarzana – per i gravi rischi di lesione dei diritti costituzionali del diritto all`informazione e alla libertà  di espressione e mai in precedenza, per una potenziale diffamazione, era stata adottata la misura dell`inibizione all`accesso ad un blog o ad un portale a carico di un cosi rilevante numero di internet providers”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti