INTERNET: GDF, ‘CAVALLO TROIA’ MINACCIA CONTI ON LINE

Condividi

2012-02-17 17:04
INTERNET: GDF, ‘CAVALLO TROIA’ MINACCIA CONTI ON LINE
ROMA
(ANSA) – ROMA, 17 FEB – Migliaia di computer sarebbero già  stati infettati in Italia da un software progettato per aggirare le misure di sicurezza implementate dagli istituti di credito. Lo segnala il Gat (Nucleo speciale frodi telematiche) della guardia di finanza, che sta sta indagando sotto il coordinamento di Nello Rossi e Nicola Maiorano della procura di Roma. Il minuscolo programma informatico, rilevano le Fiamme Gialle, è in grado di modificare le operazioni via internet di utenti di conti online, andando a cambiare il beneficiario e l’importo della somma da bonificare. I computer infetti – all’insaputa e contro la volontà  dei legittimi utilizzatori – vengono gestiti da una sorta di sistema di controllo (cui sono inconsapevolmente collegati via internet) che riceve le segnalazioni delle operazioni andate a buon fine e che archivia comunque tutti i codici identificativi e le parole chiave necessari per accedere alle operazioni di movimento di denaro da eseguirsi con conti bancari o carte ricaricabili. Il ‘cavallo di Troia’ interverrebbe in una fase successiva a quella dell’autenticazione dell’utente con password o Pin, vanificando così l’efficacia delle procedure di sicurezza. Il fenomeno, al momento, riguarda titolari di conti e carte di BancoPosta. (ANSA).