RAI: ASSOTRAVEL A PASSERA, INTERVENIRE CONTRO CANONE INIQUO

Condividi

(ANSA) – ROMA, 21 FEB – Intervenire sull’errata interpretazione che vede l’applicazione del canone Rai a qualsiasi apparecchio in grado ricevere i programmi: è quanto chiede al ministro per lo Sviluppo Economico Corrado Passera, Andrea Giannetti, presidente di Confindustria Assotravel, in qualità  di rappresentante delle agenzie di viaggio. “Il personal computer è uno strumento di lavoro fondamentale e quotidiano per tutti gli operatori turistici, serve a ben altro che a vedere le trasmissioni televisive per le quali – specie in una fese di crisi per il settore come questa – i nostri imprenditori e i nostri addetti non hanno certo tempo. Se fosse corretta questa interpretazione il “canone allargato”, che si basa sul un testo giuridico del ventennio, andrebbe applicato anche agli smartphone e alle macchine utensili collegate alla rete, il che mi sembra assurdo”. A nulla vale poi, secondo Giannetti, la detraibilità  di una cifra “che non trova nessuna giustificazione. La Rai inserisce già  messaggi pubblicitari ad hoc per chi vuole vederla via web, pensi quindi a far quadrare i suoi bilanci in una logica di giusta concorrenza”. Un plauso va infine da Giannetti a tutte le forze politiche che si sono già  schierate “contro questa sorta di tassa iniqua ed in particolare ai capigruppo Pdl Alessio Butti e del Pd Fabrizio Morri che nella Commissione di Vigilanza sulla Rai hanno invitato oggi il ministro Passera a intervenire sulla richiesta”.