PRIVACY:RIFORMA UE; REDING, DIRITTO OBLIO NON RIGUARDA I BLOG

IN NUOVA LEGISLAZIONE DIRITTO INFORMAZIONE COMPRENDE BLOGGER
(ANSA) – BRUXELLES, 21 FEB – La riforma europea sulla privacy conterrà  il diritto all’oblio per i dati personali, ma non riguarderà  i blog e il lavoro dei giornalisti. Lo ha riferito all’ANSA il commissario europeo per la giustizia, Viviane Reding, parlando della riforma della legislazione europea sulla protezione dei dati che ha lanciato lo scorso gennaio. “Il diritto all’oblio riguarda i dati personali che le persone trasmettono alle compagnie online e non riguarda il lavoro giornalistico”, ha precisato Reding. “Se un giornalista realizza un video o scrive un articolo, se un blogger ‘blogga’, questo rientra nel diritto all’informazione”. “Queste regole sono pensate per proteggere gli individui quando trasmettono i propri dati, non per cambiare la storia”, ha aggiunto Reding, sottolineando l’importanza della ‘privacy’ come diritto fondamentale del cittadino. “L’accesso a Internet non è presente nella Carta dei diritti fondamentali Ue, ma è un dovere che ci sia nella nostra società  perché se non si ha l’accesso a Internet è molto difficile partecipare agli affari sociali, al business”, ha rimarcato la commissaria. “Credo sia più importante garantire la connessione a internet ai cittadini che vivono lontano dalle grandi città  e non hanno accesso alle informazioni. Con internet tutti possono essere in contatto diretto con le amministrazioni”, ha spiegato. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)